Perdite del gioco di carte leggendario
Perdite del gioco di carte leggendario

Grazie al gioco d’azzardo, i potenti si arricchiscono, i milionari e gli scrittori diventano pazzi e i poveri disperati hanno un’ultima possibilità di arricchirsi.

Il vecchio e le carte

Nella primavera del 1995, un vecchio dall’aspetto trasandato – senza nemmeno le scarpe – si presentò alla porta del Treasure Island Casino di Las Vegas. Si diceva che la sua vecchia l’avesse cacciato, non dandogli il tempo di mettersi le scarpe. Per questo era soprannominato Barefoot Joe.

Il vecchio aveva con sé una piccola somma di denaro emessa dal fondo di previdenza sociale. Le guardie di sicurezza della casa da gioco, dopo aver visto un visitatore così impresentabile, gli permisero comunque di entrare. Il denaro non ha odore, e questo ospite non aveva chiaramente intenzione di ottenere nulla.

Il vecchio si è seduto a un tavolo di blackjack. E molti sono rimasti sorpresi quando Barefoot Joe ha iniziato ad essere incredibilmente fortunato, anche se non stava usando nessuna delle strategie di carte conosciute. In pochi giorni, il vecchio aveva alleggerito le tasche dei proprietari del Treasure Island di circa un milione di sterline!

Il fortunato è stato controllato dalla sicurezza dello stabilimento, ma non è stato trovato nulla di criminale dietro di lui. Così decisero di vestire il vecchio, gli diedero delle guardie, lo misero in un hotel del casinò, gli fornirono una limousine, e fecero tutto il possibile per evitare che se ne andasse a giocare in un’altra casa da gioco.

Tutto il denaro vinto deve alla fine essere restituito ai giocatori! Questa è la regola. Il piano ebbe successo, e quando la fortuna si allontanò dal vecchio giocatore, iniziò a perdere costantemente e rimase senza il suo milione di dollari.

Ma prima di diventare di nuovo un filisteo squattrinato, Barefoot Joe ha vissuto come un re e un drogato di fortuna per una settimana intera. Per inciso, una delle compagnie cinematografiche decise di adattare la storia e comprò i diritti dal vecchio per 10000 dollari. Quando il contratto è stato firmato, Joe ha incontrato la star di Hollywood Kevin Costner, che rappresentava la parte dell’acquirente.

“Eugene Onegin” come scheda scommesse

Eugene Onegin come scheda scommesse

Alexander Pushkin non era un grande poeta per i poliziotti di Mosca dell’epoca, ma solo un inveterato giocatore di carte. Le forze dell’ordine tenevano queste persone su una matita e potevano espellerle dalla capitale con una decisione del tribunale, poiché il gioco d’azzardo è riconosciuto come illegale. E Alexander Sergeyevich aveva molto gioco d’azzardo, ma giocava male ed era molto più spesso un perdente che un vincitore. E se fosse rimasto senza soldi, avrebbe iniziato a giocare d’azzardo, immaginatevi le sue opere inedite.

Nel 1826, il destino portò Pushkin a Pskov. In città decise di scrivere il settimo capitolo di “Eugene Onegin”, ma invece passò giorni al bordello, rimase senza soldi, puntò il manoscritto del quarto capitolo e lo perse.

Il quinto capitolo del futuro grande poema è diventato una scommessa già a Mosca. L’avversario di Pushkin era il suo lontano parente Alexander Zagryazhsky. Sapeva che gli editori pagano volentieri molto per le opere del poeta, quindi la sua scommessa fu accettata. Di conseguenza, Zagryazhsky divenne il nuovo proprietario del quinto capitolo. E poi Pushkin tirò fuori le sue pistole da duello. No, non aveva intenzione di sparare con un parente fortunato. Anche loro diventarono una scommessa, e questa volta Alexander Sergeyevich fu fortunato – vinse tutto, compresi i soldi.

Un compositore che gioca d’azzardo

Il pianista e compositore Dmitri Shostakovich una volta ha scommesso sul suo pianoforte a coda di sequoia preferito. Il luogo era il Leningrad Music Hall. I gruppi di preferenza si susseguivano uno dopo l’altro, e la mattina si stava facendo tardi. Shostakovich fu sfortunato quella sera contro i suoi rivali abituali a carte: il regista teatrale Mikhail Padvo e il direttore d’orchestra Isaak Dunayevsky. Non solo è rimasto senza tutti i suoi soldi, ma ha anche dovuto suonare gratuitamente 40 numeri del concerto.

Nella foga dell’eccitazione, Shostakovich gridò: “Suonerò il mio pianoforte!” Ahimè, la sua fortuna finì di nuovo – la preziosa proprietà finì nelle mani di Dunayevsky. Inoltre, Isaak Osipovich divenne il proprietario dell’unica giacca di Shostakovich in quel momento. E lo strumento musicale fu presto ricomprato dalla cantante Klavdia Shulzhenko.